2013_BdEsp__cop-glossario__ill-F-Mungiguerra

2° giorno di lavoro : lunedì 29 gennaio 2013 ore 9-18

attività : in accordo con le finalità/identità del

  • macro-sistema IL DONO nei suoi valori FAR EMERGERE LA RETE COLLABORATIVA,

DESIGN PER LA CONDIVISIONE

  • e del sistema PENELOPE

nei suoi valori FARSI ONORE,

DESIGN DEI PRODOTTI E SERVIZI COME PROGETTAZIONE PARTECIPATA PER LA CRESCITA DEL TERRITORIO

elaborare il manifesto dei valori e le regole del gioco per i tre nodi/organi di Penelope

 agenzia per lo sviluppo dell’impresa civile con strategie di Design per i Sistemi:

BANCA DELLE RICERCHE / capitale i progetti

INCUBATORE PER IL DESIGN / capitale le buone prassi

BANCA DELLE ESPERIENZE / capitale le persone.

Il progetto del macro-sistema e del nodo Penelope sviluppati nel corso di Analisi dei Sistemi A.A. 2011-12 dal primo anno del biennio specialistico in Design dei Sistemi dell’ISIAROMADESIGN sono approfonditi nel secondo giorno di attività del workshop con la finalità di far acquisire al nuovo gruppo di studenti maggiori affinità con :

  • le prassi di pensiero metodologico che hanno portato alla definizione del macro-sistema IL DONO, in analisi la MAPPA DEL TERRITORIO;
  • i macro-obiettivi valoriali costituenti ‘emergenza’ del sistema PENELOPE , elaborate attraverso la metodica del RACCONTO VISIVO (day 3)

Il gruppo di lavoro per la Banca delle Esperienze è composto da 11 studenti del 1° anno  frequentanti nell’A.A. 2012.13 il corso di Analisi dei Sistemi del biennio specialistico in Design dei Sistemi dell’ISIAROMADESIGN, coadiuvati dal tutor Francesca Mungiguerra e dal conduttore della ricerca e docente del corso prof. Veneranda Carrino :

  • Matteo Binci, Roberto Dominicis, Sepher Khoshsokhan , Francesco Mammetti, Roberto Maurizio Paura, Gilles Traditi per il gruppo struttura della Banca delle Esperienze / nodo del sistema Penelope;
  • Yuan Feng, Giulia Mari, Elena Pucci, Sara Valleriani, Chen Zhao per il gruppo immagine della Banca delle Esperienze / nodo del sistema Penelope.

  • al lavoro sullo Statuto di Penelope :: come manifesto dei Valori e come Regole del gioco

Studio, analisi e sintesi tramite scrittura di post-it di parole notevoli e concetti chiave come valori che possono costituire il Manifesto dei valori (gruppo immagine) e come azioni che individuano le Regole del gioco (gruppo struttura) per la Banca delle Esperienze.

Ogni persona declina individualmente e poi seleziona attraverso il dialogo nel gruppo, il senso delle parole individuate nel fascicolo del racconto visivo elaborato nel workshop 2012, cercando di far emergere le finalità (valori) e gli obiettivi (azioni) utili a definire le qualità sia in termini simbolici di narrazioni per il Manifesto dei valori, sia in termini di dinamiche relazionali per le Regole del gioco.

note sulle Regole del gioco dal brainstorming del gruppo struttura 

  • skill points al momento dell’iscrizione e poi in fase di partecipazione attiva alla Banca delle Esperienze: partecipazione e/o lancio proposte progettuali con formazione di nuovi team;
  • come perdo punti? : se si rimane sempre nello stesso team, se non si attivano nuovi gruppi di lavoro, se si rimane molto settoriali non proponendo focus su nuovi campi di ricerca;
  • alcune voci nella compilazione del curricula personale in fase iniziale sono già elencate, ma nuove voci/competenze si aggiungono a definire l’avanzamento/stasi in fase centrale di partecipazione;
  • le voci/competenze come categorie emergono nel sistema in fase centrale, sono anche proposte dalla comunità elettiva;
  • gli skill points sono attribuiti dalla comunità elettiva costituita da tutti gli attori nel sistema con il ruolo di aiutanti ma le voci/competenze possono essere sottoposte ciclicamente alla valutazione/feedback di aziende ritenute utili/stimolo per crescita del capitale nella Banca delle Esperienze;
  • nel profilo del correntista si ricerca competizione come passione per il Design: accettazione e promozione dei valori di Design per la condivisione;
  • la comunità elettiva è costituita dai correntisti della Banca delle Esperienze che hanno maturato un certo livello di qualità negli skill points del proprio curricula: in tal senso diviene prioritario anche la disponibilità personale al ruolo di tutor e/o l’offerta di assistenza nella logica di “Passa l’esperienza“.

note sul Manifesto dei Valori dal brainstorming del gruppo immagine

  • il capitale della Banca delle Esperienze si arricchisce e può crescere se si attivano interazioni se emerge condivisione;
  • scopo della Banca non è solo l’indice/repertorio delle competenze, mission della Banca è far crescere il capitale delle Esperienze, cioè creare dei team (dove la qualità dell’esperienza/persona si accresce), laddove le persone possono ampliare le proprie qualità sperimentando il valore della condivisione: crescere in esperienza in team;
  • la Banca delle Esperienze è anche patrimonio di ricerche ma con un rapporto: idee al 20% e le persone all’80%;
  • la Banca delle Esperienze è un nodo di un sistema che si completa nei flussi di scambio con la Banca delle Ricerche e con l’Incubatore per il Design;
  • si vogliono favorire al massimo, progettandone facilitazioni per attivazione: scambi e sinergie nel sistema Penelope;
  • si ritiene che le idee e le prassi di cui le persone sono portatori possono crescere e realizzarsi solo nei limiti dell’incontro con l’altro da sè: il valore primario risiede nelle interazioni.