3° giorno di lavoro / 3rd day :  giovedì 09 febbraio 2012 ore 9-18

80 immagini evocative come racconto visivo delle parole afferenti i seguenti termini

condividere / share / mettere in comune / commune

sottrarre / subtract

rumore / noise

Le fasi di svolgimento del concept sono esplorate con una composizione libera di immagini evocative dove i segni visivi sono ri-composti secondo un nuovo ordine in uno spazio tridimensionale. Si elabora una narrazione temporale ciclica (fase iniziale, fase intermedia, fase finale; nuova fase iniziale, …) per concetti ancora metaforici ma plausibili obiettivi di progetto, relativi alla condivisione come… tipologie/culture.

Il  gruppo di lavoro è composto da 6 studenti del 1° anno del corso biennale in Design dei Sistemi dell’ISIAROMADESIGN: Andrea Avellino, Gergely Ambrovics, Alessandra Ciancio, Adriano Conti, Francesco Morese, dal docente del corso di Analisi dei Sistemi prof. Veneranda Carrino, dal tutor designer Antonello Lipori e dal cultore della materia designer Francesca Mungiguerra.

Il concept relativo ad una “Banca delle Esperienze e delle Ricerche” volta alla condivisione di culture progettuali, ovvero ad un’attività che possa innestare forme di co-responsabilità senior-junior tra designers e imprenditori con l’adozione progetti in logica di economia civile, prevede come emerso dalla fase di brainstorming lo sviluppo nelle seguenti tre fasi, qui sintetizzate in brevi frasi :

fase iniziale // di accettazione/scelte trasversali

fase centrale // di scambio/attuazione

fase finale // di comunicazione/promozione

Nel sistema “Il DONO # far emergere la rete collaborativa” è lo sviluppo di un:

Set A // prodotti e servizi :: agenzia per lo sviluppo dell’impresa grazie a strategie di intervento sul mercato di design dei sistemi.

Quale nome dare alle tre fasi salienti di svolgimento del concepts?

Qual’è il momento nodale durante l’attuazione di ogni fase?

Quali immagini possono come suggestione esprimere le qualità di ogni fase?  

Cosa accade?

 

premessa/sintesi # brainstorming / pannello>> da chi e come arrivano i progetti su cui si lavorerà nell’incubatore?”  ”Progetti interni: tesi di Triennio o Biennio;  Progetti nati dalla partecipazione a concorsi in workshop interdisciplinari;  Progetti sviluppati in  giornate promozionali ‘Porte Aperte’;  Progetti proposti da aziende o da organizzazioni sociali”   “Anche da senior designer, ex studenti che hanno commissioni di progetto ma che non riuscirebbero da soli a realizzare pienamente l’incarico”   “Chi sono le figure in gioco?”   “Una formazione dei gruppi di lavoro con adesioni e ingressi di junior e senior proventi da diverse formazioni/ambiti culturali universitari, perchè la riuscita di un progetto di design dei Sistemi richiede per essere efficace nel territorio sinergie tra differenti risorse: un approccio globale”   “Come diffondere, promuovere questi tre organi (BdR; Incb; BdR) o ancora come richiamare interesse?”   “Sperimentare una dislocazione dei tre organi: ricreare comportamenti usuali (un gruppo di ricerca progettuale) in luoghi non usuali (aziende del terziario prive di ufficio marketing e studio di sviluppo prodotto)”  ”Come tramandare le esperienze acquisite: sia in termini di conoscenze sia in termini di capacità gestionali?”  ”Come comunicare le strategie di approccio all’economia civile del Design dei Sistemi?”  ”Serve un volto riconoscibile (immagine coordinata) e uno statuto reso pubblico e accessibile

fase iniziale // di accettazione e selezione come…  scelte di qualità per un entrata consapevole e di fattiva accettazione dello “statuto/farsi onore” nei tre organi dell’agenzia per la condivisione “Banca delle esperienze/luogo di scambio” “Incubatore/luogo di produzione” “Banca delle ricerche/luogo di adozione dei concepts”.

fase centrale // di reciproca co-responsabilità come… “passa l’esperienza nel farsi onore” tra senior e junior nella Banca delle Esperienze  ”adotta un’idea di innovazione” tra progettisti e aziende nella Banca delle Ricerche

fase finale // di promozione e comunicazione come… valorizzazione del capitale concepts di prodotto generate nell’ Incubatore per giovani designer verso il territorio/distretti industriali e avvicendamento delle risorse umane come scambio dei ruoli ( ex junior, ora nuovi senior)  

qualità delle conoscenze e obiettivi che  definiscono le ‘culture’ oggetto della condivisione ::

  • selezionare e affidare incarichi dopo una verifica sul campo delle capacità “prove di messa in gioco sul farsi onore”  che implementano quanto già nel ‘curricula’ o quanto emerso dal colloquio attitudinale.
  • si condividono conoscenze, esperienze, ricerche “aperte” volte a creare ‘ben-essere’ nel territorio
  • strategie del Design dei Sistemi a progettazione partecipata tra tutti gli attori del sistema e condivisione di macro-obiettivi valoriali, come emergenze prodotte nel territorio a seguito delle inter-relazioni nel sistema.

segni visivi :

  • alberi    panni stesi mossi dal vento  (nella fase iniziale) 
  • spirale  flussi d’acqua   tessitura (nella fase centrale)
  • mongolfiere  porte/finistre (nella fase finale)


adriano # brainstorming / scatola >> ” declinare i momenti di comunicazione in ogni fase ..  passa l’esperienza”  

fase iniziale // comunicare verso l’interno i concepts e i brief  selezionare sul campo per competenze relazionali, con un brainstorming che inneschi dinamiche di messa in comune delle idee

fase centrale //  comunicare tra senior e junior  ”si percorre insieme una strada per arrivare ad una crescita della cultura, delle esperienze e delle competenze”  ”sviluppo e cammino in comune tra junior e senior, come in una spirale”   “Il raggio della spirale cresce, ma la sua costruzione geometrica (la sua struttura) prevede l’inclusione dei raggi dei cerchi più piccoli iniziali: quindi la spirale cresce con l’apporto di ognuno

fase finale // comunicare verso l’esterno i progetti Lo sviluppo della spirale come momento di apertura verso l’esterno” “La spirale torna anche su stessa per un nuovo inizio”  ”I progetti nati dalle conoscenze messe in condivisione come culture, competenze, esperienze: possono crescere ulteriormente diventano reali prodotti nelle aziende”   “Si condivide la cultura che si è appreso con altri, chi era junior ora può provarsi come senior, mentre i senior ora possono assumere ruoli gestionali di logistica con maggiori responsabilità nei tre organi

segni visivi :

  • lancio nel vuoto  frammenti  (nella facciata fase iniziale)
  • spirale/raggio  (nella facciata fase centrale)
  • mogolfiera  (nella facciata fase finale)

 

francesco # brainstorming / scatola >> ”come immagino le fasi di sviluppo di un progetto nato in condivisione”  

fase iniziale // bacheca delle idee  L’area da cui attingo le idee di concepts o i brief è rappresentata con l’immagine di un albero, dove ognuno di noi può appendere idee che vuole mettere in comune, queste poi sono qui raffigurate come panni che prendono forma grazie al vento: il brainstorming“ 

fase centrale //  i pensieri si trasformano  Grazie al confronto queste idee (mongolfiere) iniziano a viaggiare, entrano in circolo, sono selezionate e prendono forma, possono prendere una direzione di volo

fase finale // verso l’esterno la direzione che i progetti (mongolfiere) intraprendono è verso un nuovo territorio (inizio/finestre) cui ancora tutti possono accedere (inizio/porte), ovvero contribuire ad una sua ulteriore fase di concretizzazione come immissione sul mercato” ” alla fine , si costruisce una rete.

segni visivi :

  • albero    lenzuola mosse dal vento  (nella facciata fase iniziale)
  • mongolfiere  (nella facciata fase centrale)
  • finestre/porte  rete  (nella facciata fase finale)

 

 

andrea # brainstorming / scatola >> ” costruzione, de-costruzione, nuova ricomposizione

fase iniziale // ciò che muove sono le emozioni forti  quando si è finito un percorso di studi e ci si affaccia nel mondo del lavoro si può provare una sensazione di panico, dovuto ad una sorta di sensazione di ‘non completezza’: lo junior ha qlcs ma non è in grado o non sà bene come offrirla appieno

fase centrale //  dove avere conferma delle proprie competenze  ”nell’ incubatore per giovani designer ricevo una conferma di orientamento, posso trovare un ‘completamento’ ”  

fase finale // applicare e agire le competenze in maniera consapevole una libreria ben fornita ed ordinata vuole suggerire l’idea di aver acquisito anche delle capacità gestionali, mentre l’immagine di un braccio vuole raffigurare la possibilità di usare queste conoscenze pre creare una ‘Bellezza consapevole’ ( una villa come costruzione architettonica in armonia con l’ambiente)”

segni visivi :

  • lancio nel vuoto   (nella facciata fase iniziale)
  • tessitura   (nella facciata fase centrale)
  • libreria  braccio  villa con giardino (nella facciata fase finale)
Andrea--racconto visivo_150_photoEnzoAgnello

 

alessandra # brainstorming / scatola >> ” dar voce a chi cerca da ‘junior’ di farsi onore”  

fase iniziale // entrare in relazione  un neo-laureato non sà ancora dove applicare le sue conoscenze e dove trarre altre”  ”Si lancia in volo e trova ad accoglierlo delle persone di cui si può fidare

fase centrale //  favorire un flusso di pensieri  in comune dal caos alla sintesi

fase finale // richiamare attenzione  “operare con logiche di ‘fuori contesto’,  porre un’attività comune in un ambiente non usuale”  ” la televisione in strada

segni visivi :

  • ambiente con parole disegnate sulle pareti  lancio nel vuoto  microfono (nella facciata fase iniziale)
  • flusso di pensieri   dettaglio opera intonarumori ( nella facciata fase centrale)
  • apparecchio televisivo  pavimentazione urbana (nella facciata fase finale)
considerazioni finali (3° giorno) :
“Generare valore e lasciare valori a chi sta per iniziare “. La rete collaborativa si ‘autogenera’, preserva e diffonde culture per il benessere collettivo.
- Si rende necessario facilitare “il riversare idee” attraverso il progetto di un’interfaccia di qualità ‘easy to use’ che possa accettare e categorizzare gli imput/concepts di progetto proposti dalle varie figure a vario titolo e ruolo nella “Banca delle Ricerche” e come imput/brief nell”Incubatore”.
- Si rende necessario una scheda/area web dove inserire il profilo utente dei diversi “correntisti” nella Banca delle Esperienze e nella Banca delle Ricerche, nonchè il curriculum (vedi linkedin) dei senior/junior ovvero le proprie competenze e recensioni (+;0;-).
- Si rende necessario l’utilizzo di un motore di ricerca dotato di capacità di discriminare per qualità gli imput e di relazionarli in maniera efficace per le fasi promozione.
- Si rende necessario l’utilizzo di un software con filtri di qualità che garantisca da parte del sistema una continua auto-valutazione per riuscire ad ottenere sia i macro-obiettivi valoriali, sia gli obiettivi specifici di innovazione nelle scelte creative operate sui concepts/brief.
- Si rende necessario un progetto dedicato solo alla comunicazione stategica sul territorio, di valorizzazione con opportune iniziative culturali dei risultati conseguiti, di “feedback” nel contatto con i possibili interlocutori dei tre organi (BdR ; BdE ; Incb).
- Si rende necessario un accesso facilitato con interfaccia ‘easy to use’ per accedere al know how capitalizzato, con racconti multimediali delle conoscenze in condivisione (documentazione al vero)
- Si richiede un progetto di immagine coordinata con strategie di campagna promozionale che impegni come accettazione dello statuto tutte le figure coinvolte.
tipologie di cose ::
  • immagine coordinata della Banca delle Ricerche e dei suoi strumenti (buoni, card, etc..)
  • immagine coordinata della Banca delle Esperienze e dei suoi strumenti (buoni, card, etc..)
  • immagine coordinata dell’Incubatore Senior/Junior e dei suoi strumenti (buoni, card, etc..)
  • pagine web/software di qualità per immissione imput/concepts/brief/curricula, scheda con ruolo di Bacheca/Archivio/Vetrina
  • pagina web/software di qualità per autovalutazione del sistema nei suoi tre organi
  • progetto di “tests sul campo” per selezionare/valutare/orientare chi desidera accedere e partecipare in maniera fattiva
  • pagina web per accesso/pubblicazione/recensione dello Statuto per BdR, BdE e Incb
  • marketing strategico per la promozione e valorizzazione dei tre organi
  • progetto di organizzazione aziendale per definizione dei ruoli delle risorse umane nella gestione ottimale dei tre organi
le qualità delle cose ::
  • pubbliche
  • accessibili
  • pluri
  • non omogenee
  • aperte
  • chiare
la domanda delle conoscenze come  ”competenze ed esperienze in condivisione” ::
  • ci si può educare responsabilmente alla condivisione delle culture in ottica del ‘farsi onore’